creatività, intelligenza, stupidità, populismo, giornalismo, informazione, volontariato, etica, politica, ecologia, capitalismo, comunismo, anarchia, civiltà, arte, cultura, psicologia, sociologia, filosofia, televisione, TV, giustizia, popolare, futuro, globale, Onu, religione, Vittorio Sgarbi, Berlusconi, Ruby, Rubygate e misteri delle credenze, informazione, opinione pubblica, politica, giustizia e poteri … (BBR, MUS, VG5%, MOP, B2O) | ilcerchiodelleidee | Il Cannocchiale blog
.
Annunci online

ilcerchiodelleidee Idee per un mondo migliore
Vittorio Sgarbi, Berlusconi, Ruby, Rubygate e misteri delle credenze, informazione, opinione pubblica, politica, giustizia e poteri … (BBR, MUS, VG5%, MOP, B2O)
post pubblicato in diario, il 17 agosto 2013

 Multi anni fa ho avuto l’impressione che Vittorio Sgarbi era un gran truffatore, un mostro di prima pagina per una settimana… 

Oggi mi vergogno di avere creduto e scritto certe impressioni su Vittorio Sgarbi. Credo che sono stato vittima da bugie o informazione parziali banali più popolari della verità dei fatti più importanti. 

Vittorio Sgarbi mi sembra il primo che ho sentito a dire publicamente quello che io ho scrito dal inizio, più di 2 anni fa e repetutto molte volte nel mio blog su Berlusconi-Ruby. 

Immagino che se informazione, politica e giustizia per Rubygate fosse per 2 obiettivi più intelligenti di Berlusconi e della Storia d'Italia, contribuenti potevano beneficiare molto in più utilità sociale.

Vittorio Sgarbi è stato sacrificato online: Dei primi risultati di Google compare come condannato a difendere un condanato,(Berlusconi), distrutto da un giornalista da “Il Fatto”. Molti hanno riprodutto solo la parte di un programma che lo coloca peggiore. Io credo che sia il primo che ho sentito a dire una verità intelligente che poteva fare storia: minorene forzate a postituirsi meritavano priorità di certa giustizia. 

Credo che come io sia stato condizionato da certe informazioni, anche chi produce informazione e opinione pubblica, giustizia e politica sia condizionato da certi poteri che è meglio non nominare ni ametere. Credo che certi magistrati, giornalisti e opinione pubblica sianno condizionati di certi poteri senza saperlo, senza amitirlo, senza volere credere e senza essere nominati per istinto da sopravivenza.

Sfoglia maggio        settembre